Ciao Proprietario! Eccoci ad un nuovo post del nostro Blog per fare il punto sulla protezione antiparassitaria dei nostri amici cani (per il gatto c’è un post a parte).

Si avvicina la stagione calda, e con lei, i parassiti. E’ tempo di informarti su quali siano i migliori metodi per proteggere il tuo amato cane ed il tuo amico gatto dai parassiti dell’ambiente (e dai vettori di patologie anche molto gravi).

Se non hai letto il nostro post sulle patologie da vettore, puoi farlo adesso, da questo link: leggi l’articolo.

Ti avvisiamo che questo sarà un post lungo, perciò ti chiediamo di metterti comodo e di leggere con attenzione le indicazioni contenute in questo articolo. Se hai dubbi, ti lasciamo il nostro modulo di contatto per chiederci tutti i chiarimenti di cui necessiti.

    Prendi Appuntamento

    Chiama: (+39) 0965 1972966







    Quali sono i parassiti pericolosi per il CANE?

    Come saprete, esistono ectoparassiti (che vivono all’esterno del corpo del cane), ed endoparassiti (che vivono al suo interno). Perciò dobbiamo proteggere i nostri cani nei confronti di:

    • zecche, pulci, acari, pidocchi, rogne e miasi (larve di mosca);
    • malattie trasmesse dalle zanzare (che trasmettono la filariosi cardiopolmonare);
    • malattie trasmesse dai flebotomi (che veicolano il protozoo responsabile della leishmaniosi);
    • strongili polmonari.

    Seguici anche su Instagram per vedere quali articoli e suggerimenti postiamo, per i nostri Proprietari:

    Una delle domande principali dei nostri proprietari è: gli antiparassitari vanno applicati e utilizzati anche in inverno?

    La nostra risposta è si, per alcuni parassiti: pulci e zecche sopravvivono anche in casa, in più non dimentichiamoci i parassiti intestinali, quelli non vanno in letargo!

    Quali antiparassitari devo utilizzare per avere una copertura completa, per il CANE?

    Altrettanti proprietari sono perplessi sulle “combinazioni” di antiparassitari, e brancolano nel buio in quanto ad associazioni che agiscano in sinergia per la protezione dei Pets.

    Anche a questa domanda siamo in grado di rispondere: per avere una sufficiente copertura occorrono almeno 2 tipologie di antiparassitari utilizzati in combinazione.

    E ci spieghiamo:

    ci servirà un prodotto con azione repellente, che sia in grado di:

    • tenere prima di tutto lontano il flebotomo (pappatacio), responsabile della trasmissione della Leishmaniosi;
    • allontanare altresì pulci, zecche e acari.

    Associato al repellente, occorre un parassiticida, che funzioni come:

    • assassino delle microfilarie (responsabili della Filariosi cardiopolmonare);
    • killer dei vermi intestinali;
    • sicario (a seconda delle zone d’Italia) degli Strongili polmonari.

    In più, se il parassiticida ha azione contro pulci e zecche e riesce a causarne la morte, tanto meglio, anche qualora il supporto del repellente dovesse non bastare (teniamo a sottolineare che, per morire per mano del parassiticida, pulci e zecche devono comunque infestare il cane e fare il pasto di sangue – motivo in più per non dimenticare il repellente – e possono, attraverso il morso, trasmettere malattie come Ehrlichiosi, Babesiosi e Anaplasmosi; leggi l’articolo in proposito qui).

    Devo, quindi, sempre usare due antiparassitari per CANE?

    Beh, dipende: se viviamo in una zona in cui non esiste il rischio di filariosi cardiopolmonare (e non sappiamo, in realtà, se davvero esista una zona indenne – dati gli spostamenti frequenti dei nostri pets), allora basterebbe anche solo il repellente e una sverminazione in compresse una tantum per anno… se invece si vive in una zona dove non è presente la leishmaniosi, si può usare anche solo il parassiticida (ma ciò non proteggerà dalle malattie trasmesse da vettori).

    Quindi la risposta alla domanda è: no, non sono sempre necessari due antiparassitari in associazione ma è fortemente consigliabile attuare questa metodica.

    Spesso i proprietari acquistano un antiparassitario senza preventivamente conoscerne l’azione (repellente o parassiticida), e altrettanto spesso trovano le pulci sul cane…

    … quando ciò accade significa semplicemente che si è utilizzato un parassiticida senza azione repellente.

    Qual è quindi il miglior antiparassitario per il CANE?

    Non possiamo rispondere a questa domanda, perché l’azione antiparassitaria va sempre modulata sul singolo paziente.

    Occorre in modo particolare attenzione:

    • la razza del cane (ad esempio, in alcune razze come il Collie e i suoi incroci, esiste la possibilità che sia presente il gene MDR1 – vi invitiamo a leggere l’articolo in proposito – nelle quali l’ivermectina, componente di alcuni antiparassitari, è altamente tossica e può risultare letale!);
    • l’età del cane (attenzione ai cuccioli!);
    • lo stile di vita (prevalentemente in casa o perlopiù in campagna);
    • la zona geografica in cui il cane vive;
    • eventuali patologie o trattamenti concomitanti.

    Capirete perciò anche il motivo per il quale è necessario disporre della Ricetta Medico Veterinaria per acquistare alcuni degli antiparassitari più di frequente commercializzati.

    Nel nostro virtual shop trovate dei consigli sui prodotti Antiparassitari per cani che noi raccomandiamo:

    Dai uno sguardo alle proposte antiparassitarie per cani nel BauMiao Shop di MGVet

    Quali sono le formulazioni per CANI con azione repellente?

    Possiamo averne diverse, fra le quali esistono:

    • spot-on (le classiche pipette);
    • i collari;
    • gli spray.

    Spesso i proprietari scelgono le prime due formulazioni, per la praticità del loro utilizzo, essendo anche pre-dosati sulla base del peso corporeo del cane… ci sentiamo comunque di sconsigliare il collare se avete più cani che giocano tra loro, per il rischio di ingestione di parti di esso.

    Quali sono le formulazioni per CANI con azione parassiticida?

    I parassitici esistono in diverse formule, così come i repellenti:

    • iniezione annuale contro la filariosi (che non è un vaccino, facciamo attenzione…);
    • compresse da dare per bocca ogni mese;
    • anche qui, spot-on (che spesso hanno anche funzione di killer delle larve…).

    Differenza fra iniezione contro la filaria e compressa contro la filaria…

    Non facciamo confusione: l’iniezione serve quale protezione contro le microfilarie iniettate dalla zanzara durante l’estate. La moxidectina, un farmaco a lento rilascio, ha anche azione contro due parassiti intestinali (Anchilostomi e Uncinaria). L’iniezione ha dunque una capacità limitata rispetto alla compressa (Nexgard Spectra o Simpatica Trio). Unico svantaggio della compressa è che bisogna ricordarsi di somministrarla puntualmente ogni 30 giorni… ma abbiamo gli smartphone per questo! La compressa protegge il cane contro: filaria, vermi intestinali, pulci, zecche, acari (sia della rogna sarcoptica che demodettica) e strongili polmonari.

    Ritardare la somministrazione di una compressa ha uno svantaggio importante:

    si rischia di non uccidere tutte le microfilarie!

    L’iniezione è consigliata dunque ai proprietari che non sono in grado di ricordare le scadenze… la compressa copre molte più malattie.

    Vuoi ricevere i nostri articoli sulla tua email?

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER PERIODICA DI MGVET

    Per favore seleziona come vuoi essere aggiornato dallo Studio Veterinario Associato “Multari-Gattuso”:

    Puoi cancellare la tua sottoscrizione in qualsiasi momento, semplicemente cliccando sul link che trovi in fondo alle nostre email. Non inviamo spam, ma solo aggiornamenti scientifici e/o informativi legati alla nostra attività.


    Come combinare collare, spot-on e pastiglia nel CANE?

    Sempre prestando enorme attenzione alla razza del cane (se si tratta di un Collie o di altre razze quali quelle descritte nel nostro articolo in proposito, evitate l’ivermectina… è potenzialmente letale!), suggeriamo alcune combinazioni:

    • Seresto (collare) + Advocate (spot-on);
    • Seresto (collare) + Nexgard Spectra (compressa);
    • Seresto (collare) + Stronghold plus (spot-on).

    Per i terrorizzati dalla Leishmaniosi…

    Seresto ha una comprovata azione repellente nei confronti del vettore della Leishmania, il pappatacio…

    Si può utilizzare anche un altro collare, invece di Seresto, ma che abbia una azione repellente nei confronti del flebotomo, appunto.

    E per chi non può usare il collare, e vuole abbinare pastiglia e spot-on?

    Ecco le combinazioni possibili per chi di noi non ama applicare il collare antiparassitario, oppure non può farlo per la condizione scritta sopra (più cani che vivono insieme e potrebbero masticarsi i collari a vicenda…):

    • Advantix + Nexgard Spectra
    • Frontline Tri-Act + Simparica Trio
    • Vectra 3D + Nexgard Spectra

    Ricordatevi che le tavolette masticabili (compresse), hanno sempre bisogno della Ricetta Medico Veterinaria per essere acquistate. Non esitate a contattarci per ogni informazione in merito!

    Attenzione: mai somministrare gli antiparassitari per cane al gatto!!!

    Se avete domande in merito all’utilizzo degli antiparassitari nel cane, postatele qui sotto: saremo felici di rispondervi in tempi brevissimi!