Oggi vogliamo parlarvi di uno dei nostri casi clinici: Desy, incrocio maltese di un anno, femmina. Desy arriva in clinica per la sterilizzazione, e scopriamo dagli esami preliminari essere affetta da anemia.

Desy è una cagnolina normalissima: salta, gioca, corre, mangia… insomma, nulla fa sospettare che sia anemica. Anche alla visita clinica, tutto è apparentemente a posto.

Come da buona pratica, prima di procedere all’intervento chirurgico, eseguiamo gli esami del sangue (emocromocitometrico e biochimico preanestetico) e, con nostra sorpresa, Desy presenta dei parametri che “non vanno bene“…

In questo articolo, vi spieghiamo che cos’è l’anemia, come può essere diagnosticata e cosa può comportare nel cane, sperando di esservi utili per non sottovalutare mai l’importanza della corretta esecuzione di una visita clinica e degli esami necessari PRIMA di un intervento chirurgico, anche se banale o di routine….


Che cos’è l’anemia?

Per anemia si intende una diminuzione dei globuli rossi, dell’emoglobina e/o dell’ematocrito. L’anemia non è una malattia, ma una frequente alterazione di laboratorio che impone al clinico l’applicazione di un corretto algoritmo diagnostico.

La condizione di anemia si traduce principalmente in una riduzione nella capacità di un organismo di trasportare ossigeno. I segni clinici, se pur aspecifici, possono esprimere tale condizione con tachicardia, letargia, intolleranza all’esercizio fisico e pallore delle mucose. Talvolta le mucose possono comparire itteriche in caso di emolisi. La gravità dei segni clinici è strettamente legata al grado, alla causa e alla rapidità di insorgenza.

L’anemia può essere classificata in base:

  • al grado di anemia
  • a criteri morfologici
  • a meccanismi patogenetici    
  • alla risposta midollare

Gradi dell’anemia

Nel cane, così come nel gatto (inseriamo i valori per comodità), ma oggi parliamo di cani, l’anemia viene catalogata per gradi sulla base dell’ematocrito, secondo la seguente tabella:

GRADO ANEMIACANE Hct (%)GATTO Hct (%)
LIEVE30-3720-27
MODERATA20-2915-19
GRAVE15-1910-14
GRAVISSIMA<15<1

Criteri Morfologici

Sulla base di due indici eritrocitari, rispettivamente MCV (Mean Cell Volume – volume corpuscolare medio) e MCHC (Mean Corpuscolar Hemoglobin Concentration – concentrazione emoglobinica corpuscolare media) l’anemia viene classificata come segue:

  • normocitica normocromica (MVC e MCHC entro gli intervalli di riferimento)
  • normocitica ipocromica (MCV nella norma e MCHC ridotto)
  • microcitica normocromica (MCV diminuito e MCHC nella norma)
  • microcitica ipocromica (MCV e MCHC ridotti)
  • macrocitica normocromica (MCV aumentato e MCHC nella norma)
  • macrocitica ipocromica (MCV aumentato e MCHC diminuito).

La condizione di ipercromia (aumento dell’MCHC) non viene annoverata poiché i globuli essendo fisiologicamente a saturazione emoglobinica non possono presentare una concentrazione emoglobinica più alta.

Nel caso di Desy, i risultati degli esami mostrano una anemia di tipo macrocitica normocromica.

Cosa sospettare in corso di anemia macrocitica normocromica?

Dal momento che trattiamo questo caso clinico, ci soffermeremo sulla diagnosi specifica di Desy e vi diremo cosa sospettiamo e andiamo ad indagare in questo specifico caso.

Ho una domanda per il mio cane…

“Desideri indagare su una possibile condizione di anemia del tuo cane?”

— Chiamaci allo 0965.1972966 per prendere appuntamento con noi!

L’anemia di tipo macrocitico normocromico, anche valutando il grado di rigenerazione eritrocitaria, può essere dovuta a diverse cause.

Ipossia cronica

Problematica che si riscontra nelle razze brachicefale (es. bouledogue e affini), in corso di cardiopatie, in corso di malattie polmonari croniche.

Desy non appartiene a nessuna razza brachicefala, per cui andremo ad eseguire un esame cardiologico approfondito e uno studio radiografico sul polmone.

In corso di eventi rigenerativi, comunque, è possibile registrare un aumento del volume eritrocitario come meccanismo di compensazione al difetto di ossigeno.

Deficienza di B12 e folati

Può causare macrocitosi perché il difetto di sintesi di DNA causa una mancata divisione mitotica.

L’anemia macrocitica normocromica da malassorbimento tipica nell’uomo trova riscontro solo nello Schnauzer gigante, in quanto nelle altre razze il malassorbimento si traduce più frequentemente in un anemia normocitica normocromica.

Nel caso di Desy, dunque, escluderemo questa causa.
Condizioni ereditarie e indagini collaterali

L’ipernatriemia è una condizione da valutare, e si tratta di un aumento della concentrazione sierica di sodio che comporta un deficit di acqua totale corporea rispetto al sodio totale corporeo causato da assunzione inferiore di acqua alle perdite (urina).

Uno dei sintomi principali è l’aumento della sete; la persistenza di questa condizione a lungo termine può comportare l’insorgenza di una sintomatologia neurologica (dovuta al richiamo osmotico di acqua dalle cellule nervose), pertanto andrà indagata questa condizione.

Infine, su Desy, essendo lei un mix di maltese e probabilmente barboncino, considereremo di valutare anche la probabile causa ereditaria della “macrocitosi ereditaria del Barboncino“, condizione legata alla razza che andrà monitorata costantemente per prevenirne le conseguenze.

Ebbene si, anche i cani misto-razza possono soffrire di patologie ereditarie tanto quanto quelli di razza pura!

la vecchia credenza del “meticcio resistente” va rivalutata!

Vi terremo aggiornati su Desy, nel frattempo, se volete, potete inoltrare le vostre domande nei commenti oppure inviare una mail al nostro staff all’indirizzo info@emgvet.it o ancora prendere appuntamento presso la nostra Clinica.

A presto con gli aggiornamenti qui nei commenti! 🐶